Menu

NUMERI E ORARI

TEL: 06 - 5572707

FAX: 06 - 55342176

ORARI: 09:00 - 18:00

GIORNI: Lunedì - Venerdì

Consorzio per la formazione, qualità e organizzazione delle risorse umane

Mediazione

MEDIAZIONE - Una soluzione per chiudere un conflitto


CHE COS'È IL SERVIZIO DI MEDIAZIONE?
È un servizio per la crescita civile tra persone e per la gestione di  una controversia senza ricorrere al sistema giudiziario

COME NASCE IL SERVIZIO DI MEDIAZIONE? CONFSALFORM MEDIAZIONE nasce e si sviluppa nell'ambito di Confsalform con lo spirito di fornire un servizio di qualità per la gestione delle liti e delle le controversie in campo commerciale e civile. 
Confsalform è un ente di formazione no profit. Esso esercita per i propri soci le funzioni di progettazione, coordinamento, programmazione ed erogazione di attività nell'ambito della Ricerca, della Formazione e dell'Innovazione.  Tra le proposte generali disponibili in Confsal, Snals ed Unsa, i tre soci del consorzio, non potevano mancare, dunque, i servizi per la formazione e quelli connessi alle nuove procedure di mediazione e conciliazione per le liti e le controversie in materia civilistica. Pertanto sono istituiti, all’interno dell’articolazione di Confsalform, l’Organismo di Mediazione e l’Organismo di Formazione di cui ai capi II e V del d.lgs. n. 180 del 18 ottobre 2010. 

COME FUNZIONA IL SERVIZIO DI MEDIAZIONE?
La procedura di mediazione è una modalità alternativa al giudizio per risolvere controversie in modo efficace.  Il decreto legislativo 4 marzo 2010 n° 28 istituisce la procedura di mediazione civile e commerciale con un duplice finalità: da una parte diminuisce il carico di lavoro dei tribunali, dall’altra offre al privato cittadino uno strumento in più per tutelare i propri interessi. Una forma di tutela che scaturisce da un incontro delle contrapposte pretese e ragioni per arrivare, insieme (questo lo scopo finale della procedura), a un accordo tra le parti che componga positivamente la controversia, assistita dalla supervisione di una figura neutra, il mediatore.
L’organismo di mediazione opera nell’ambito delle controversie civili e commerciali riguardo i diritti cosiddetti “disponibili”, nonché nelle controversie transfrontaliere.  La procedura di mediazione è svolta da organismi pubblici e privati iscritti a un apposito Registro presso il Ministero della Giustizia, ed è gestita da mediatori inseriti nelle liste degli organismi iscritti al Registro. I mediatori devono aver effettuato uno specifico corso di formazione riconosciuto dal Ministero della Giustizia.
 
Si effettua ricorso alla procedura di mediazione secondo tre modalità:
a.      Istanza di parte
La parte interessata a dare avvio a una procedura di mediazione ai fini di risolvere una controversia può farlo in qualsiasi momento, prima dell’instaurarsi del giudizio o in pendenza di causa, quand’anche antecedente al decreto.
b.      Invito del giudice
Il giudice, anche in sede di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti, invita le stesse ad esperire un tentativo di composizione della lite presso un organismo di mediazione presente nel territorio competente, anche nel corso di giudizio
c.      Per clausola contrattuale
Quando sia un contratto o uno statuto a prevedere la risoluzione della controversia tramite la procedura di mediazione e il tentativo non è stato esperito, sarà il giudice, su eccezione di parte, ad assegnare un termine di quindici giorni per presentare tempestivamente istanza di mediazione presso apposito organismo.
 
CHI SONO I DESTINATARI?
I destinatari sono tutti i cittadini che vogliono intraprendere una controversia civile e commerciale. La parte istante che richiede una mediazione può farlo attivando una mediazione presso la Segreteria Nazionale dell’Organismo. Il richiedente dovrà compilare in ogni campo la scheda con le informazioni in suo possesso e trasmetterla brevi manu o via fax/mail o in alternativa via pec (posta elettronica certificata) alla Segreteria Nazionale che provvederà a designare il mediatore e a svolgere tutte le pratiche di comunicazione per fissare il primo incontro di mediazione.
Al primo incontro preliminare il mediatore designato chiarisce alle parti la funzione e le modalità di svolgimento della mediazione invitandole ad esprimersi sulla possibilità di iniziare la procedura di mediazione. In caso di manifestata volontà di entrambe le parti nel procedere con lo svolgimento della mediazione, l'indennità dovuta da ciascuna parte è stabilita sulla base del Dm 180/2010, come da tabelle delle indennità. Nel caso di manifestata intenzione di entrambe le parti nel non procedere all'inizio della mediazione, nessun compenso è dovuto a Confsalform Mediazione ad esclusione delle spese di avvio precedentemente versate dalla parte istante. Qualora entrambe le parti, al primo incontro preliminare, abbiamo manifestato l'intenzione di voler procedere allo svolgimento della mediazione, il mediatore proseguirà con l'inizio della procedura di mediazione. Terminata quest'ultima, con un accordo di conciliazione o meno, le parti sono tenute a versare gli importi dovuti, come da tabelle delle indennità di mediazione.  La parte istante sarà tenuta a corrispondere l'indennità per le spese di mediazione, mentre la parte chiamata dovrà corrispondere oltre che all'indennità per le spese di mediazione anche le spese di avvio non corrisposte precedentemente. Solo a pagamento di tutte le somme dovute (avvio + indennità) sarà rilasciata copia conforme del verbale.  Eventuali maggiorazioni, dovranno essere versate da entrambe le parti a conclusione del tentativo di conciliazione. Nel caso in cui la parte Chiamata non aderisca al procedimento di mediazione le Spese di Mediazione dovute dalla parte Istante si esauriscono in quelle di Avvio del Procedimento, già versate al momento del deposito della domanda. 

QUALI SONO I COSTI DELLA MEDIAZIONE?
Le spese a sostegno del ciclo di gestione del servizio di mediazione offerto da Confsalform Mediazione si dividono in due tipologie: le spese per l’avvio del procedimento e le spese della mediazione.
Spese per l’avvio del procedimento: sono pari a € 40 (IVA esclusa) per liti di valore fino a € 250.000,00 o € 80,00 (iva esclusa) per liti di valore superiore a 250.000,00, e andranno versate dalla parte istante contestualmente al deposito della domanda di mediazione. La parte Chiamata, qualora al Primo incontro preliminare aderisca al procedimento, è tenuta a versare la quota di € 40 (IVA esclusa) o € 80,00 (iva esclusa) per le spese di avvio del procedimento.
Spese della mediazione: qualora al Primo incontro preliminare entrambe le parti manifestino la volontà di aderire alla procedura di mediazione, il mediatore designato potrà proseguire l'incontro di mediazione o programmare insieme alle parti un incontro successivo. Al termine della procedura di mediazione, indipendentemente dall'esito dell'accordo, il mediatore redigerà il verbale che se sottoscritto dagli avvocati di tutte le parti avrà titolo esecutivo. Al termine della procedura di mediazione le parti sono tenute a versare l'importo per l'indennità di mediazione come da Tabella A. Confsalform Mediazione si riserva di non consegnare copia autentica del verbale qualora anche una sola parte non versi le somme dovute. Qualora, invece, al Primo incontro preliminare una parte manifesti la volontà di non aderire alla procedura di mediazione, il mediatore chiuderà la procedura con un verbale di mancato accordo e nessun onere dovrà essere versato a Confsalform mediazione, ad esclusione delle spese di avvio del procedimento precedentemente già versate dalla parte istante. Analogo caso potrà verificarsi se la parte chiamata non si presenti al Primo incontro preliminare, ovvero il mediatore terminerà la procedura di mediazione con un verbale di non comparizione delle parte chiamata. Eventuali maggiorazioni saranno versate da entrambe le parti al termine della procedura di mediazione.

IN QUANTO TEMPO SI PUÒ CONCLUDERE UN PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE?
L’Organismo di mediazione al deposito dell’istanza della parte istante ha 15 giorni per inoltrare le comunicazioni di fissazione del primo incontro di carattere preliminare alla parte chiamata in mediazione. Per concludere una procedura di mediazione, ovvero svolgere il primo incontro preliminare più i vari incontri di mediazione, qualora le parti aderiscano alla stessa, il tempo massimo è stabilito in tre mesi.